argilla verdeTramite questo semplice articolo mi piacerebbe parlarvi dell'argilla verde, di alcune delle sue proprietà e di come mi sia stata davvero utile per essiccare il moncone ombelicale delle mie bimbe. L’argilla verde, nota anche come illite, è un materiale inorganico costituito da una serie di minerali essenziali, ossidi di ferro ed altri materiali vegetali decomposti tra cui le alghe. Questo materiale ha un caratteristico colore verde che talvolta tende però a toni grigio-verdi: più il colore è verde, maggiormente è ritenuto prezioso il materiale. I benefici dell'argilla erano conosciuti già 4000 anni fa. L'argilla viene estratta nei mesi estivi e lasciata essiccare al sole perché si possa caricare d'energia, in modo da poter poi rilasciare quest'ultima sulla zona da trattare. L'argilla si rivela essere un ottimo disinfettante e cicatrizzante dei tessuti e della pelle (acne, eczemi, dermatiti, pori dilatati, untuosità della pelle), un valido antidolorifico ed antinfiammatorio (dolori muscolo-scheletrici, infiammazioni dei nervi e delle giunture), rimineralizzante e riequilibrante (combatte la ritenzione idrica assorbendo i liquidi grazie al processo di osmosi), ed infine un aiuto per curare l'anemia. Nel mio specifico caso l'argilla è stata utilissima per favorire la mummificazione ed il distacco del moncone ombelicale. Si sparge semplicemente dell'argilla verde sul moncone ombelicale ad ogni cambio di pannolino, si copre con una garzina e si tiene fermo il tutto con l'aiuto di una retina elastica pediatrica. Il paragone di quanta argilla da spargere e di come fare è piuttosto semplice: immaginatevi nel momento in cui spargete il sale sull'insalata e fate altrettanto. In brevissimo tempo il moncone sarà essiccato ed in pochi, davvero pochi giorni cadrà: nel mio caso il minimo dei giorni è stato di 3 ed il massimo di 5. Sospendete l'applicazione dell'argilla dal momento in cui il moncone si starà staccato e lasciate asciugare per bene l'ombelico. Nel momento in cui vedete che il moncone inizia gradualmente a staccarsi fate attenzione a non far cadere dell'argilla su quella parte di ombelico. Controllate sempre lo stato di salute dell'ombelico e della zona circostante: non devono esserci segni di rossore accentuato, né cattivi odori.